Un finale drammatico


Se analizziamo a bocce ferme il derby contro Grosseto non si sa se rimanere soddisfatti, delusi, fiduciosi o affranti. Una partita condotta per 39 minuti, per essere gettata al vento negli istanti finali. Si poteva fare di più? Chi lo sa, tutto è possibile. Rimane il rammarico per averci creduto fino in fondo. Ma veniamo alla cronaca. Un inizio equilibrato con le squadre che rispondono colpo su colpo fino al 7°. Dopodichè i nostri iniziano a macinare in attacco grazie alle conclusioni di Schiano e Alocci. La zona mette in difficoltà i grossetani che non trovano più la via del canestro. + 9 al decimo ed intensità che rimane alta anche nel secondo tempino. Nonostante Schiano sia carico di falli, Busonero ha buone cose dalla panchina. Ma è l'attacco santostefanese a fare la differenza. 11 palle perse nella prima metà di gara, ma 5/10 da 3 e 9/13 da 2: percentuali al di sopra della media. Si torna in campo dopo l'intervallo con una bomba di Picchianti e divario che sale a +20 al termine del quarto di gioco. La partita sembra essersi incanalata in un binario ottimale, ma prima le uscite per falli di Schiano e Figara, i tiri liberi avversari che fermano il cronometro ed avvicinano Grosseto, e la confusione offensiva, ribaltano lo scenario. Inutile stare qui a commentare il concitato finale che porta gli avversari a mettere la freccia di sorpasso negli ultimi istanti di gara. Vince Grosseto meritatamente, mentre i nostri devono fare il mea culpa per aver gettato via una partita chiusa ed archiviata a dieci minuti dalla fine. ma la sirena che conta è quella al 40° e chi è avanti a quel suono, si porta a casa i due punti. Peccato veramente.

I parziali: 25-16 / 41-28 / 66-47 / 78-81.

Il tabellino: Alocci N. 28, Benicchi G., Busonero C. 4, Busonero M. 14, Figara M. 5, Olivari S., Picchianti N. 3, Schiano A. 13, Vongher A. 11. Coach: Busonero C. - Verdile R.